Che cos'è l'Emoglobina?

Nel mese di Maggio il Polo Sanitario Santa Teresa ha stretto una nuova collaborazione con il Dott. Alfonso Zaccaria, specialista in ematologia. In questo articolo il Dott. risponderà alle domande che vengono poste più frequentemente su questo tema.

L’Ematologia è la disciplina che studia e cura le malattie del sangue: da semplici forme carenziali o autoimmuni, a gravissime patologie rapidamente evolutive.

Nella maggior parte dei casi, oggi l’ematologo viene contattato a seguito del riscontro di anomalie dei valori del sangue, oppure per motivi clinici, debolezza, infezioni ripetute, emorragie, ecc.

La prima visita ematologica in genere consiste in una raccolta di informazioni su familiarità, patologie collaterali, interventi chirurgici subìti, farmaci assunti, ecc., visione degli esami eseguiti, visita medica completa, ipotesi diagnostica, eventuale richiesta di esami di completamento. A seguito dell’accertamento diagnostico, possono essere necessari controlli successivi.


Casi, o domande frequenti:


- Una anemia è sempre dovuta ad un calo dei globuli rossi? No, non sempre. Esistono anemie con globuli rossi in numero normale o alto. L’anemia è definita dal livello di emoglobina.

- L’anemia da carenza di ferro è sempre da perdita? Nella grande maggioranza dei casi sì. Nelle giovani donne può dipendere da un ciclo abbondante. Nella persona anziana da perdita dal tubo digerente. In questo caso è da valutare attentamente l’origine: ulcera, polipi intestinali, tumori del tubo digerente?. Occorre mangiare molta carne? Il ferro viene assorbito soprattutto dalla carne, altri cibi (es. legumi) ne contengono ma se ne assorbe meno. Oggi le terapie con ferro per bocca o endovena suppliscono alla necessità di una dieta forzata a base di carne.

- E quando l’emoglobina è superiore alla norma? Si parla di poliglobulia; può essere dovuta a malattie respiratorie o cardiache, oppure ad una produzione incontrollata dei globuli rossi da parte del midollo osseo.

- Cosa indica un numero elevato di globuli bianchi? Bisogna distinguere il tipo di globuli bianchi. I neutrofili, i più rappresentati, se leggermente elevati, possono essere espressione di infezione o abitudine al fumo o da terapia con cortisone. Se in numero ridotto, possono mettere a rischio di infezioni molto gravi. I linfociti aumentati sono in genere espressione di una malattia del sangue.

Cosa può significare la comparsa di lividi sul corpo, anche senza avere subìto un urto, o la comparsa di ripetute emorragie dal naso? Può significare una riduzione del numero delle piastrine. Un calo modesto delle piastrine può essere dovuto a ingrandimento della milza per malattie del fegato o per altre cause.

Se si avverte un gonfiore al collo cosa occorre fare? A livello del collo, ascelle e inguine, ci sono ghiandole linfatiche che possono andare incontro a ingrossamento o per problemi infettivi (in questo caso l’ingrossamento è modesto, dolente e scompare in breve tempo) o per problemi neoplastici (ingrossamento progressivo, consistenza in genere dura). A seconda dei casi, si possono richiedere esami di completamento (ecogafia, TAC) o la asportazione della ghiandola per fare l’esame istologico.

E quando si ingrossa la milza? La milza fa parte del sistema linfatico immunitario, è collegata con una vena al fegato e svolge il compito di eliminare dalla circolazione le cellule del sangue vecchie. Un suo ingrossamento può quindi comportare un calo dei valori del sangue più o meno marcato.

L’emocromo mostra alterazioni, ma io sto bene. Perché? E’ frequente il riscontro di anomalie dell’emocromo in persone apparentemente sane. Nel nostro sangue circola un grande eccesso di globuli bianchi e di piastrine, per cui si possono avere severe riduzioni di questi elementi senza che vi siano problemi clinici. Un controllo specialistico è in grado, in genere, di dirimere l’effettiva importanza del dato.


Dott. Alfonso Zaccaria

Nato a Faenza (RA) il 13 maggio 1947. Laureato con lode presso l’Università di Bologna nel 1972. Specialista in Ematologia. Ha lavorato dal 1972 al 1994 presso l’Istituto di Ematologia del Policlinico S:Orsola di Bologna sotto la direzione del Prof. S. Tura, occupandosi sia di assistenza (Reparto specialistico, ambulatorio, Day Hospital, trapianti), che di ricerca (Insegnamenti presso le Scuole di Specialità di Ematologia e Medicina interna, direzione dei laboratori di Citogenetica e Biologia molecolare, partecipazione a Congressi Nazionali e internazionali, oltre 200 pubblicazioni).

Dal 1994 al 2014, Primario e fondatore dell’U.O. di Ematologia dell’Ospedale di Ravenna. Dal 2005 al 2014 Coordinatore del Gruppo Ematologia Romagna (Linee Guida, Protocolli terapeutici, organizzazione di Convegni). Dal 2012 al 2014 Responsabile della Sottocommissione di Ematologia della Regione Emilia Romagna. Dal 2012 al 2014 Direttore del Dipartimento di Oncologia ed Ematologia dell’AUSL di Ravenna.

In pensione dal 2014, è presidente di RAVENNA A.I.L., Sezione ravennate dell’Associazione Italiana contro le leucemie, linfomi e mieloma.


Data pubblicazione: 07/05/2018

Prenotazioni e Informazioni

E' possibile prenotare i servizi del Polo Sanitario Opera di Santa Teresa tramite CALL CENTER al numero 0544.38513 o tramite modulo web attivo tutti i giorni e a tutte le ore.


CALL CENTER
0544.38513
Lunedì - Venerdì 7.30-19.30
Sabato 7.30-13.00
INFO E PRENOTA ONLINE
ATTIVO
TUTTI GIORNI
24 ORE SU 24

Opportunità in Vetrina

News